Olio extravergine di oliva:
meglio filtrato o non filtrato? Scopri tutte le differenze

Corte dei Venti News 06 lug 2022

Olio extravergine di oliva: quante volte ti sarai chiesto quale dei due sia il migliore, il più genuino; se quello filtrato oppure non filtrato. Cerchiamo allora di capire quelle che sono le differenze tra i due prodotti e mettiamoli a confronto per comprenderne meglio relativi pregi e difetti.



Perché l’olio extravergine di oliva non filtrato ha un aspetto torbido? La risposta è di natura fisica


Olio extravergine di oliva Meglio filtrato o non filtrato? Scopri tutte le differenze

La principale ed immediatamente percepibile differenza tra olio extravergine di oliva filtrato e non filtrato è riscontrabile nell’aspetto del prodotto. L’olio non filtrato è infatti subito riconoscibile per il suo caratteristico aspetto torbido al contrario di quello filtrato che si presenta invece più limpido e brillante.

Ma qual è la ragione di tale differenza? Come accennato, la ragione è di natura fisica. L’olio extravergine di oliva non filtrato, proprio per il fatto di non essere stato sottoposto al procedimento di filtrazione, conserva in sospensione piccolissime particelle d’acqua contenente polifenoli polari e di polpa di oliva, contente invece polifenoli apolari.

Scopo del processo di filtrazione è eliminare le particelle d’acqua con i loro polifenoli polari ma ecco che se ciò non accade l’olio andrà a contenere entrambi i tipi di polifenoli e ad acquistare così quell’inconfondibile aspetto torbido.

Olio extravergine di oliva filtrato e non filtrato a confronto: scopriamone pregi e difetti


Olio extravergine di oliva Meglio filtrato o non filtrato? Scopri tutte le differenze

Dopo aver spiegato i motivi per cui i due prodotti si differenziano nell’aspetto, possiamo passare ad esaminarne i rispettivi pregi e difetti:

  • Un olio extravergine di oliva non filtrato e torbido nell’aspetto è sicuramente un olio giovane, fresco, dato che decantando naturalmente, con il trascorrere del tempo andrà ad assumere un aspetto sempre più limpido

  • Un olio extravergine di oliva non filtrato contiene effettivamente una maggiore quantità di polifenoli, elementi dotati di proprietà antiossidanti benefiche per la salute ma va considerato che se l’olio di base è un olio di qualità, tal differenza di concentrazione sarà talmente minima da risultare infine insignificante

  • L’olio extravergine di oliva non filtrato, decantando naturalmente in bottiglia, con il passare del tempo va ad accumulare sul fondo residui solidi che a lungo andare portano al deperimento delle sue caratteristiche chimiche, aumentandone ad esempio l’acidità e all’alterazione delle sue qualità organolettiche. Il processo di filtrazione, andando ad eliminare queste sostanze, dona all’olio una maggiore stabilità e una migliore resistenza all’invecchiamento



Conclusioni


In definitiva si può concludere che la filtrazione, se correttamente praticata, aumenta la longevità del prodotto senza lederne la genuinità. Se l’olio non filtrato ha il vantaggio di apparire più naturale e di essere effettivamente giovane, dall’altro infatti ha lo svantaggio di non riuscire a conservare a lungo tutte le sue qualità e va dunque consumato in tempi brevi.

Varie e discordanti sono poi le opinioni riguardo alle differenze nelle proprietà organolettiche dei due prodotti ma si può serenamente concludere che se il processo di filtrazione è condotto in modo corretto, esse finiscono per essere assolutamente minime e percettibili solo ai palati molto esperti.

Clicca qui per conoscere l’olio extravergine di oliva della Corte Dei Venti!

Scopri le nostre offerte

Scopri i vini, le grappe e l'olio extravergine d'oliva della Corte dei Venti. Acquistali adesso ad un prezzo speciale sul nostro store online.

Acquista adesso
Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
info@cortedeiventi.com