Analisi olfattiva di un vino
Ecco cosa notare

Curiosità sul Vino 18 nov 2020

Durante una degustazione di vini avrete notato il Sommelier portare più volte il calice verso il proprio naso dopo averlo roteato un po': questo classico gesto rientra nelle analisi che il degustatore valuta e più specificamente si tratta dell’analisi olfattiva del vino.

Con l’analisi olfattiva, quindi, ci si propone di valutare il profumo che un vino rimanda seguendo le caratteristiche di intensità della profumazione, la complessità dei profumi, la qualità, la piacevolezza e l’armonia dei sentori dello stesso.

Il bouquet aromatico

Il bouquet aromatico è l’insieme dei profumi che un vino può avere ed è composto da un numero significativo di elementi diversi presenti in natura (circa duecento secondo la classifica ufficiale dei Sommelier), così ad esempio, quando sentite parlare il Sommelier dopo aver annusato il calice “il vino presenta sentori di frutti di bosco e vaniglia”, questi elementi sono appartenenti al bouquet aromatico analizzabile.

Le sostanze odorose presenti nel vino sono riconducibili, poi, a vere e proprie molecole che vengono trasmesse da elementi diversi al vino, ad esempio, l’affinamento in Barrique farà si che il vino si permei di sentori legnosi e altri odori ancora proprio per effetto del contatto del liquido con il legno, e via discorrendo.

Le fasi dell’analisi olfattiva

Il procedimento dell’analisi olfattiva, si divide in due parti: la prima appena versato il vino nel calice, si fa una rotazione lenta per pochi secondi e poi si porta il bicchiere al naso, così la prima valutazione sarà di odori che vengono restituiti dal vino nel breve periodo subito dopo essere stato versato, mentre poi si esegue una nuova rotazione, stavolta più decisa e si annusa di nuovo per concentrarsi sui rimandi olfattivi secondari del vino.

Intensità e complessità olfattiva

Si è parlato di intensità e complessità olfattiva, la prima è costituita dalla quantità di sostanze odorose che si riescono a riconoscere nel vino mentre la seconda si riferisce al numero di diversi profumi che individuiamo nel vino.

Descrittori olfattivi

I descrittori olfattivi sono tutti i sentori odorosi che sono raccolti dal degustatore e che si possono riconoscere durante la profumazione del vino, a sua volta si raggruppano in categorie come ad esempio, sono descrittori olfattivi della categoria di frutta l’odore di mele, pesche, frutti di bosco, categoria fiori come rosa, acacia, geranio, la categoria spezie con chiodi di garofano, pepe, cannella, e così via.

Riconoscere in un vino al semplice odore tutte queste caratteristiche e complessità diverse non è certo un gioco da ragazzi, per questo, quella del Sommelier e del degustatore di vini sono discipline molto serie e importanti e tali competenze si acquisiscono con un percorso ben specifico. Tuttavia ognuno di noi è in grado di riconoscere qualche odore e fare dunque una semplice analisi olfattiva, cosa che potrebbe divertirci in una semplice degustazione tra amici.

Prova con i vini La Corte dei Venti, scegli il tuo preferito e inizia a degustare

Vai al Catalogo Vini








Scopri le nostre offerte

Scopri i vini, le grappe e l'olio extravergine d'oliva della Corte dei Venti. Acquistali adesso ad un prezzo speciale sul nostro store online.

Acquista adesso
Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
info@cortedeiventi.com