Abbinamenti Cibo e Vino
Come scegliere l'etichetta giusta

Curiosità sul Vino 17 dic 2020

É arrivata la fatidica sera in cui avete invitato il vostro capo e sua moglie a cena e come è logico che sia volete che sia tutto perfetto per far si che ciò si tramuti in un ricordo di piacevoli momenti e di apprezzata compagnia a tavola.

Hai già preparato tutte le gustose pietanze che si susseguiranno nel pasto e programmato tutto alla perfezione ma vi trovate davanti alla delicata scelta dei vini da accompagnare al cibo e non sapete bene per cosa optare.

Ecco di seguito come scegliere dunque il vino giusto per la tua cena!

Regole basilari

Come prima cosa la scelta del vino è influenzata insindacabilmente dalle pietanze che avete preparato, quindi valgono le regole classiche e più conosciute del Rosso/Carne, Bianco/pesce e via discorrendo, anche se delle commistioni, azzardi e sperimentazioni possono portare a piacevoli scoperte e insoliti abbinamenti.

Buona regola è creare un percorso di degustazione del vino che inizi da quello più giovane e meno strutturato e dal basso grado alcolico a quello più corposo e tannico e dal più alto titolo alcolometrico, vediamo come puoi distribuire le bottiglie durante tutta la cena.

Vuoi infrangere le regole? Allora leggi:

5 abbinamenti che non ti aspetti

Antipasti

Come aperitivo potresti scegliere una bollicina, fresca e leggera, con qualche stuzzichino tanto per sciogliere un po' il ghiaccio e creare i presupposti adatti alla squisita serata che hai preparato.

In breve vi ritrovate all’antipasto, se costituito da porzioni delicate come musse e crostini vari, puoi orientarti su un giovane vino bianco e fruttato, scelta adatta anche per antipasti di pesce.

La tradizione toscana prevede invece antipasti più corposi con crostini di paté di ragù di carne o di fegatini di pollo e affettati vari, in questo caso potete già introdurre un vino rosso giovane e poco strutturato, come un Rosso di Montalcino o un buon Chianti ma non troppo invecchiato.

Primi

Se i primi sono composti da piatti sostanziosi come pasta al forno con ragù o tagliatelle ai funghi porcini potete orientarvi benissimo su un Rosso già un po' più strutturato e dai tannini decisi, va bene sempre un ottimo Chianti, di gradazione superiore del precedente o un ottimo Supertuscan IGT Rosso Toscano, se la vostra cena prosegue a base di pesce potete mantenervi sui bianchi, Chardonnay, Vermentino o Pinot Grigio sono tutti molto indicati.


Secondi

I secondi sono molto importanti anche per la tipologia di cottura, infatti, se avete preparato la carne in una certa modalità sappiate che potete abbinare un vino piuttosto che un altro.

In linea generale comunque, con arrosti di carne di cacciagione e volatili o arrosti anche di maiale e altre tipologie di carne potete scegliere un buon vino rosso molto strutturato e anche invecchiato come un Brunello di Montalcino, le forti caratteristiche e i tannini di questo vino si sposano perfettamente nel vostro palato con gli arrosti.

Il Brunello è il connubio perfetto anche per altri tipi di carne come il manzo alla brace ad esempio una succulenta bistecca alla fiorentina o in alternativa potete restare su un rosso strutturato e invecchiato come un Amarone.

Per secondi a base di carne al sugo potete proseguire sui vini rossi invecchiati e strutturati ma anche dei Rossi giovani come un Rosso di Montalcino o un Sant’Antimo, meno impegnativi dei fratelli maggiori e adatti a stimolare le papille gustative a contatto con il pomodoro dei sughi.

Fritture

Sia di carne che di pesce con le fritture in generale puoi optare per ottimi vini bianchi, anche meno giovani e di maggiore consistenza e ancora meglio una bollicina. Il perlage dei vini frizzanti aiuterà il palato a stemperare la componente grassa delle pietanze fritte e creare un ottimo connubio tra cibo e bevanda.

Fine pasto e dolci

Ormai la serata è stata un successo, avete preso il vostro capo per la gola e abbinato ottimi vini ai vostri piatti con una sapiente scelta degna di un Sommelier professionista.

Ora che siamo al massimo del momento di convivialità potete servire il dessert accostandolo a un bicchiere di Passito o di Vin Santo, per non tornare sulla classica bollicina nuovamente.

La scelta di vini liquorosi è ottima e per il loro alto concentrato dolce si accosteranno bene a tutti i dessert.

Infine, ricorda anche di abbinare le giuste tipologie di bicchiere per ogni etichetta che andrai a stappare, se vuoi sapere tutto sui bicchieri giusti per il vino vai qui. (link articolo sui bicchieri)







Scopri le nostre offerte

Scopri i vini, le grappe e l'olio extravergine d'oliva della Corte dei Venti. Acquistali adesso ad un prezzo speciale sul nostro store online.

Acquista adesso
Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
info@cortedeiventi.com